Progetto “VALI – valore, autonomia, lavoro ed inclusione”, ideato e sostenuto dalla “Fondazione Cariparo” in collaborazione con “Irecoop Veneto"

La disoccupazione è uno dei problemi più gravi degli ultimi anni, inasprito dalla pandemia e dalla conseguente crisi. Per aiutare le persone in difficoltà a reinserirsi nel mondo del lavoro è nato VALI, un percorso progettato per aiutare la persona ad essere più consapevole delle proprie competenze, a conoscere le opportunità e i servizi presenti nel territorio e ad inserirsi nel mondo del lavoro grazie all’affiancamento di un professionista.

Data:
21 Aprile 2021
Immagine non trovata

Il progetto mira all’attivazione di politiche attive del lavoro e misure di reinserimento lavorativo. La persona infatti, con l’aiuto di un facilitatore, verrà condotta in un progetto sperimentale volto a migliorare l’incontro tra le competenze ricercate dalle aziende del territorio e le competenze offerte dall’utente, accompagnando persone in stato di povertà e/o emarginazione verso un’uscita il più possibile duratura dalla loro condizione.

I beneficiari dell’iniziativa dovranno avere le seguenti caratteristiche:

  1. Essere residenti o domiciliati in forma stabile nelle province di Padova e di Rovigo
  2. Avere la cittadinanza comunitaria o essere in possesso di un regolare permesso di soggiorno che autorizzi ad effettuare attività lavorative ad eccezione dei richiedenti protezione internazionale;
  3. Essere iscritti al Centro per l’Impiego;
  4. Non aver lavorato per più di 6 mesi nell’ultimo anno con contratto di lavoro subordinato o parasubordinato oppure essere un lavoratore autonomo con reddito inferiore a 4.800 euro annui;
  5. Essere appartenenti a famiglie con ISEE non superiore a 20.000 euro e essere in una di queste condizioni:
    1. famiglie monoreddito con figli a carico;
    2. avere un reddito annuo complessivo non superiore a 8.145 euro;
    3. famiglie monoparentali con figli a carico.

Sono invece escluse le famiglie:

  • Al cui nucleo familiare appartiene un altro beneficiario del programma;
  • Una percentuale di invalidità superiore al 45%, in quanto è possibile fruire dell’accompagnamento degli operatori dei SIL delle ULSS;
  • Beneficiari di progetti che prevedono un accompagnamento al lavoro simile al presente progetto che, al momento della domanda, sono impegnate in altri percorsi di politica attiva;
  • Percettrici del Reddito di Cittadinanza ai sensi del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito in legge 28 marzo 2019, n. 26 che beneficiano del percorso di accompagnamento con un navigator (saranno invece ammessi i percettori del Reddito di Cittadinanza presi in carico dai Comuni).

SEGUONO ALLEGATI 

Ultimo aggiornamento

Giovedi 22 Luglio 2021